Skip to main content
Newsroom Fact sheet

La Open Society Foundations e George Soros

La Open Society Foundations è stata fondata da George Soros, uno dei maggiori filantropi del mondo, il quale, dal 1984, ha donato 32 miliardi di dollari del proprio patrimonio personale realizzato nei mercati finanziari.

Open Society ha sostenuto individui e organizzazioni in tutto il mondo, lottando per la libertà di espressione, la trasparenza, governi responsabili e società che promuovono la giustizia e l’uguaglianza. Questa generosità si è spesso focalizzata su coloro che si trovano ad affrontare discriminazioni puramente per quello che sono, come ad esempio i Rom in Europa, e altri spinti ai margini della società.

Soros ha sperimentato in prima persona queste intolleranze. Nato in Ungheria nel 1930, ha vissuto l’occupazione nazista la quale ha portato all’uccisione di oltre 500.000 ebrei ungheresi. Nel 1947, non appena i Comunisti presero il potere in Ungheria, Soros lasciò Budapest per Londra, per poi emigrare negli Stati Uniti ed entrare nel mondo della finanza e degli investimenti dove fece la sua fortuna.

Soros ha iniziato la sua attività di filantropo nel 1979, donando borse di studio alle persone di colore sudafricane durante l’apartheid. Negli anni ’80, ha contribuito a promuovere l’apertura allo scambio di idee nell’Ungheria comunista, Con la fine della Guerra Fredda, egli ha esteso la sua attività filantropica agli Stati Uniti, Africa e Asia, supportando un’ampia serie di sforzi per creare società più responsabili, trasparenti e democratiche.

The Open Society Foundations were founded by George Soros, one of the world’s foremost philanthropists, who since 1984 has given away $32 billion of a personal fortune made in the financial markets.

Open Society has supported individuals and organizations across the globe fighting for freedom of expression, transparency, accountable government, and for societies that promote justice and equality. This giving has often focused on those who face discrimination purely for who they are, such as Europe’s Roma people, and others pushed to the margins of mainstream society.

Soros has experienced such intolerance firsthand. Born in Hungary in 1930, he lived through the Nazi occupation, which resulted in the murder of over 500,000 Hungarian Jews. In 1947, as the Communists took power, Soros left Budapest for London and then emigrated to the United States, entering the world of finance and investments where he was to make his fortune.

Soros began his philanthropy in 1979, giving scholarships to black South Africans under apartheid. In the 1980s, he helped promote the open exchange of ideas in Communist Hungary; after the fall of the Berlin Wall, he sought to strengthen democratic practice and institutions across East and Central Europe.

With the Cold War over, he expanded his philanthropy to the United States, Africa, Latin America, and Asia, supporting a vast array of new efforts to create more accountable, transparent, and democratic societies.


Nove Fatti sulla Open Society Foundations

  1. Open Society oggi include 23 fondazioni nazionali e regionali, ognuna con il proprio organismo consultivo locale, i cui membri supervisionano l’attività e adattano le priorità di allocazione dei fondi in base ai bisogni locali.
  2. La prima fondazione è stata stabilita in Ungheria nel 1984, la più recente è stata creata in Myanmar nel 2016.
  3. La Fondazione fornisce non più del 33% dei fondi alla vasta maggioranza delle organizzazioni con le quali lavoriamo, al fine di assicurare la loro autonomia e stabilire una solida base finanziaria per le loro operazioni.
  4. È la seconda più grande fondazione filantropica privata negli Stati Uniti, dopo quella di Bill e Melinda Gates. La continua tradizione dell’attività filantropica da parte di di uomini d’affari di successo negli Stati Uniti risale a individui come Andrew Carnegie, e alle famiglie Rockefeller e Ford.
  5. Open Society è la fondazione privata che ha maggiormente sostenuto le minoranze Rom in Europa.
  6. A partire dal 1993, la Fondazione ha fornito decine di milioni di dollari per aiuti umanitari e supportare gli sforzi di soccorso durante le guerre nei paesi della ex Iugoslavia, specialmente in Sarajevo sotto assedio.
  7. Lavoriamo negli Stati Uniti dal 1996. Il nostro programma qui rappresenta circa il 17% del nostro lavoro di finanziamento, il quale include il sostegno alla riforma del sistema di giustizia penale e delle leggi sulle droghe, il rafforzamento della partecipazione democratica e il supporto a leggi umane sull’immigrazione.
  8. Più e più volte, la Fondazione ha condotto il dibattito politico su questioni controverse che altri finanziatori potrebbero evitare. Siamo orgogliosi di lavorare con persone che sono emarginate dalla società semplicemente per ciò che sono.
  9. Il nostro nome riflette l’influenza sul nostro fondatore della filosofia di Karl Popper. Nel suo libro La società aperta e i suoi nemici, Popper sostiene che nessuna filosofia o ideologia è l’arbitro finale della verità, e che le società possono prosperare in presenza di un governo democratico, della liberà di espressione e del rispetto dei diritti individuali.

Download

Read more

Subscribe to updates about Open Society’s work around the world